Categories

A sample text widget

Etiam pulvinar consectetur dolor sed malesuada. Ut convallis euismod dolor nec pretium. Nunc ut tristique massa.

Nam sodales mi vitae dolor ullamcorper et vulputate enim accumsan. Morbi orci magna, tincidunt vitae molestie nec, molestie at mi. Nulla nulla lorem, suscipit in posuere in, interdum non magna.

Formati materiale didattico per e-learning: standard SCORM-AICC

E’ possibile elaborare materiale didattico in qualunque forma, a seconda delle necessità, degli obiettivi e dei metodi adottati. In particolare secondo la normativa e la legislazione in vigore la formazione via e-learning deve rispettare degli standard che consentano il tracciamento etc. ma questa forma va in direzione opposta ai metodi di formazione che si sono rivelati migliori quali le smart communities.

SCORM è considerato uno degli standard più diffusi (Shareable Content Object Reference Model): in realtà non si tratta semplicemente di uno standard ma di un refernce model che seleziona una serie di raccomandazioni esistenti mentre AICC è lo standard per il runtime dell’industria aeronautica americana (complementari, per questo si parla di SCORM-AICC); l’obiettivo è produrre contenuti riutilizzabili, compatibili con diversi sistemi e-learning.

Le versioni, dopo la 1.1 (poco utilizzata e ormai obsoleta), sono la SCORM 1.2. adottata dalla maggior parte degli LMS e il più recente e potente (per il sequencing e navigation, potendo definire non solo il comportamento nello SCO ma anche tra gli SCO) SCORM 2004, ancora poco adottato.

Quindi si parla solo di interazione tra singolo utente e sistema di online learning: non solo non ha senso parlare di SCORM per l’offline learning ma neanche per online learning di gruppo (il più efficace)

Fondamentalmente SCORM definisce come pacchettizzare il contenuto e come farlo interagire col sistema.

Il packaging, in un file zip, deve contenere un file in formato XML intitolato “imsmanifest” che contenga tutte le informazioni necessarie a importare e avviare i contenuti senza interventi esterni (ad esempio quale file deve essere avviato per primo, etc.)

L’interazione col sistema durante il run-time richiede lo scambio di dati necessario al delivery e tracking (ad es il sistema comunica al pacchetto SCORM il nome dello studente perché sia inserito nella schermata mentre il pacchetto comunica al sistema di non essere stato completato, quale sia la percentuale mancante e quali i risultati di eventuali test)

Comments are closed.